Freaks di Tod Browning – Film

$15

Il circo è un vero e proprio microcosmo dove gli abitanti lavorano e creano comunità, rafforzando legami e cercando di proteggere i propri membri dagli attacchi esterni. La stessa cosa avviene nel circo di Madame Tetrallini, una donna di cui si sa poco, ma quel che basta per comprenderne la sua natura benevola andando ad accogliere una comunità di Freaks, ovvero persone con disabilità mentali e fisiche, ed includendoli all’interno di quel microcosmo composto da teloni, carri e spettacoli.

Freaks.jpg
Il Cast di Freaks – 1932

Come in ogni comunità dove le persone lavorano e vivono a stretto contatto ogni giorno, anche in questo circo nascono amicizie, amori e gelosie e tutte queste emozioni e le azioni che ne comportano hanno delle conseguenze.

hans-e-cleopatra.jpg
Cleopatra ed Hans

La storia di “Freaks” di Tod Browning è molto semplice e chiara: Il nano Hans è innamorato della bellissima trapezista Cleopatra che, grazie al suo fascino, lo ammalia e lo manipola a piacimento, per arrivare al suo denaro.
Le sue cattive intenzioni, così come le sue azioni, porteranno gravi conseguenze.

Questo è tutto.

 

64′ minuti di vita quotidiana all’interno di un circo che, come molti dell’epoca (1930), ha artisti di vario genere e molti “fenomeni da baraccone” (Freaks) che richiamano pubblico. Ma in questo film non si vede nessuno spettacolo sull’arena e nessuna esibizione di Freaks, bensì lo spettatore si trova a stretto contatto con i piccoli drammi e felicità quotidiane dei circensi.

CAST-OF-FREAKS.jpg

Film del 1932 considerato uno dei più grandi cult movie di tutti i tempi e conservato nella National Film Registry d’America, “Freaks” è nato come una pellicola dell’orrore, dissacrante e controversa, che man mano si è trasformata anche in una storia di denuncia sociale ed il fatto che i Freaks del film sono interpretati da persone con reali malformazioni mentali e fisiche ha avuto il suo peso per la riuscita dello stesso.

Ma cosa sono i Freaks e qual è la loro storia?
Conosciuti anche con la dicitura di fenomeni da baraccone i freaks sono persone o animali dall’aspetto insolito/anomalo che si esibivano in spettacoli a pagamento.
Altezze anomale, malattie rare, malformazioni fisiche… tutto era messo sul palco al fine di attirare ed impressionare gli spettatori.
Durante questi spettacoli si esibivano anche artisti con abilità estreme come per esempio i mangia-fuoco i mangia-spade etc.

freaks_lg
Illustrazione di Drew Friedman adattata da una foto del 1934 di Ringling Bros. e Barnum&Bailey

La nascita di queste mostre/spettacoli risalgono alla metà del 1500, in Inghilterra, dove il tutto veniva considerato un passatempo e le deformità venivano viste come fonte di interesse e curiosità.

Posso citare i fratelli siamesi Lazzaro e Gianbattista Colloredo alla corte di Carlo I, dove il fratello parassita Gianbattista muto e sempre con gli occhi chiusi e la bocca aperta veniva mostrato al pubblico e celato da un pesante mantello quando Lazzaro non si esibiva
Oppure Matthias Buchinger, artista senza braccia e senza gambe che intratteneva la folla con musica e magie.

 

 

Nel 1800 questo genere di spettacoli raggiunsero l’apice del successo in Inghilterra ed in America.
Nel 1842 il circense Barnum esibì nel suo circo il suo primo “mostro”:
Una creatura mummificata con la testa di scimmia e la coda di pesce chiamata “La sirena delle Fiji”.

La sirena delle Fiji.jpg
La sirena delle Fiji – Circo Barnum

“Nel suo Freak Show queste persone erano spesso disposte lungo una piattaforma, con la folla passaggio da una all’altra in sequenza. Dal momento che qusti spettacoli erano in genere continui, se uno spettatore faceva il suo ingresso nella tenda durante, ad esempio, il numero del magiatore di spade, doveva essere guidato da un imbonitore attraverso i rimanenti atti: la grassa signora, il gigante, il nano, la donna barbuta… e quando ritornava dal  mangiatore di spade, quello era il segnale che si era arrivati alla fine dello show.

Alla fine di ogni atto o mostra agli spettatori potevano essere offerti un opuscolo o una fotografia del freak. Spesso giganti vendevano enormi anelli e nani offrivano bibbie in miniatura: dei singolari souvenir che ricordavano l’esperienza del Barnum.”
Font: Mondo di Atlante

Nel circo di Barnum ricordiamo le esibizioni del nano Charles Stratton, l’uomo scimmia William Henry Johnson, la gigantessa Anna Swan, il nano Commodoro Nutt, i gemelli siamesi Chang e Eng, la Ragazza con quattro zampe dal Texas Myrtle Corbin, la ragazza con quattro gambe e tre bracci Betty Lou Williams e tanti, tantissimi altri.

Barnum.jpg
Barnume il Generale Tom Thumb

 

Tom Norman
Tom Norman

 

Un altro uomo di spettacolo che portò “sulla cresta dell’onda” i freak show è stato Tom Norman che presentava durante i suoi spettacoli, tra i tanti, Eliza Jenkins la donna scheletro, il bebè con a testa a palloncino, la donna che strappava a morsi la testa di ratti.
Oltre agli spettacoli itineranti esistevano delle “camere delle meraviglie” dove venivano conservati e mostrati al pubblico pagante feti umani e animali mostruosi sotto spirito.

 

Insomma l’esibizione di stranezze e la spettacolarizzazione del dolore altrui ha trovato terreno florido sia in Europa che in America.
Queste persone venivano trattate come oggetti da esporre in cambio di qualche soldo, il dolore veniva messo in mostra e alla mercé di tutti senza il minimo riguardo verso l’essere umano o animale che sia.
Questi spettacoli oggi verrebbero considerati aberranti, ma anche se le esibizioni classiche dei freak si sono arrestate, anche nella nostra epoca culturalmente e tecnologicamente avanzata possiamo ugualmente prendere parte a spettacoli molto simili, dove il dolore psicologico e le stranezze fisiche vengono messe su piazza ogni giorno.

Lo Show dei Record
Gerry Scotti e Jyoti Amge la donna più piccola del mondo – Lo Show dei Record 2011

Alcuni esempi:
– Lo show dei record
– Body bizarre
– Malattie imbarazzanti
– Programmi “crime” dove lo spettacolo è il dolore della perdita di una persona.

Quello che è cambiato nel portare al grande pubblico questi spettacoli è l’approccio non più offensivo e menefreghista, bensì l’occhio di riguardo è sempre posato verso le persone che si stanno mostrando. Queste vengono considerate eroi quotidiani che cercano un modo per superare o convivere con la propria disabilità, stranezza, perdita.
Il dolore personale diventa di tutti e la derisione passata oggi diventa ricerca di aiuto ed integrazione in una società che dovrebbe essere più inclusiva e tollerante rispetto a quella del 1930.

Riprendendo i fili del discorso e ritornando al film ho prima scritto che “Freaks” è considerato un cult, ma all’epoca della sua realizzazione ha trovato così tante difficoltà e bastoni tra le ruote che lo stesso regista fu cacciato da Hollywood ed il film ha dovuto subire tagli, censure e rinvii di visione anche per questo motivo la pellicola venne considerata maledetta dall’inizio delle riprese.

Ricordando che si sta parlando di un caposaldo di genere, nonostante possa anche parlare di diversità, accettazione ed integrazione del diverso, “Freaks” è e deve rimanere una storia dell’orrore che traumatizza e lascia sconcertati proprio perché non si può avere compassione dell’orrore e della vendetta che viene attuata a discapito di chi ha infranto il “codice dei Freaks”.

Un film del 1932, ma ancora in splendida forma, da vedere e rivedere e magari da recuperare per la collezione di cult che si ha in casa.

Concludendo vi consiglio di leggere l’articolo su Il giorno degli zombi.

freaks movie poster.jpg

 

 

 

 

Freaks 
Regia: Tod Browing
Anno: 1932
Paese: USA
Durata: 64′

Dati tecnici: b/n

DVD AMAZON
lingua inglese con sottotitoli in italiano

Voto personale al film: 5/5

 

 

 

 

 

 


Font per quest’articolo:

Wikipedia
Moda e Immagine.it
Il mondo di Atlante.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...